La scuola ….. a teatro.

Giorno 19 Gennaio 2018, alcune classi dell’istituto I.T.I.S “G. Cardano” di Pavia si sono recate al Teatro dei Salesiani per assistere ad una rappresentazione teatrale sull’olocausto, tratta dal famoso libro “Se questo è un uomo” di Primo Levi.

Tra le varie classi, era presente anche la III C/C. L’iniziativa è stata molto apprezzata anche fra i ragazzi. È bene sottolineare l’importanza della memoria per far capire, soprattutto ai giovani, quanto l’uomo possa non essere umano e commettere tali bestialità e per evitare , ovviamente, che tutto ciò si ripeta.

Sappiamo tutti che questo è un argomento molto pesante e toccante, ma dobbiamo avere davvero cura di non far svanire il ricordo di ciò che è stato, per fare in modo che non avvenga mai più. Valorizziamo la capacità dell’uomo di ricordare, tramandare e conoscere per sottolineare l’intelligenza che in realtà l’uomo possiede, nonostante alcuni uomini l’abbiano sprecata comportandosi come animali.

Solo il ricordo può renderci immuni ad altre stragi simili,  solo il ricordo può rimarcare seriamente il peso di quanto accaduto in quei campi di morte e questo è ciò che è ci ha aiutati a compiere questa mattina di teatro in cui il teatro è diventato vita.

All’incirca alle ore 10:30, l’attore capo compagnia ha preso posto davanti al sipario, sul palco, ed ha esposto i concetti fondamentali della rappresentazione imminente: FAME, FREDDO e FANGO. Ha spiegato quindi brevemente le condizioni in cui erano costrette a vivere quelle povere persone, massacrate per la sola colpa di esistere. Ci ha invitati ad osservare come, con il passare del tempo nel lager, la gente perdesse persino i propri tratti umani, assumendo posizioni quasi animalesche ed avendo anche difficoltà ad esprimersi. Ha precisato che, per rendere chiaro il messaggio dello spettacolo, gli attori hanno evitato di parlare nelle lingue esattamente citate da Levi nella sua opera, ma hanno utilizzato dialetti, parole storpiate o accenti stranieri. Questa sua precisazione ci ha fatto comprendere quanto fosse un uomo di cultura, appassionato del libro e profondo osservatore dei particolari. Dopo questa breve introduzione, l’attore ha raggiunto i suoi compagni dietro le quinte e, qualche secondo più tardi, il sipario si è aperto mostrando una scena di elevata confusione, curiosità, smarrimento e paura tra la folla in attesa dell’arrivo del treno per i “ campi di lavoro”. Gli attori hanno reso bene l’idea del viaggio in treno, tenendosi tutti a braccetto schiena contro schiena, chiusi ad anello, per far capire quanto fossero ammassate le persone in quei viaggi infernali. Effettivamente, questo gesto poteva essere frainteso, ma fortunatamente abbiamo avuto l’onore di colloquiare con un attore dopo lo spettacolo che ci ha spiegato accuratamente la scelta di quelle modalità espressive per il viaggio. Ci ha detto che, essendo una rappresentazione teatrale, hanno preferito non usare mezzi cinematografici, come proiettare immagini, ma hanno scelto di interpretare veramente i fatti accaduti usando le tecniche teatrali e tutta la loro fantasia. Questo decreta la loro bravura e competenza nel proprio lavoro.

Arrivati al campo, gli attori hanno interpretato alla perfezione lo stato mentale confuso e spaesato dei personaggi ed hanno illustrato il momento in cui gli ebrei venivano rasati e spogliati dei propri abiti. Successivamente hanno messo in scena una tecnica che permetteva ai tedeschi di dividere i “prigionieri” in base a età e stato di salute. Hanno rimarcato il fatto che il nome venisse sostituito con un  numero, concetto chiave, che ci fa capire quanto quelle povere persone fossero effettivamente “deumanizzate”.

L’unico personaggio fisso (gli attori erano cinque uomini e una donna e ognuno ha impersonato molti ruoli diversi) era l’interprete di Levi.

Una delle scene più toccanti è stata la prima volta in cui Levi è andato in ospedale. In quel luogo ha avuto l’occasione di dialogare con un uomo conoscitore dell’italiano, il quale ha potuto spiegargli che il lavoro non rendeva liberi, ma che solo la morte poteva effettivamente liberarli da quelle condizioni animalesche. Nel lager non c’era pietà nemmeno per i malati, trattati come bestie al macello; altrettanto toccante la scena del sogno fatto da Levi, in cui lui vedeva la sua famiglia seduta al tavolo felice, come in un giorno normale, e provava a farsi vedere da loro, urlava per farsi sentire, ma dai genitori non arrivava alcuna risposta. Era invisibile, un fantasma, quasi come fosse già morto…ed effettivamente lo era, i tedeschi aveva già ucciso la sua parte umana. Levi urlava nel sonno, una donna lo tranquillizzava, mentre l’uomo con cui aveva dialogato prima gli spiegava per filo e per segno cosa avesse sognato, senza bisogno che Levi glielo raccontasse: “facciamo tutti lo stesso sogno qui, ogni notte”. Quelle persone erano talmente esasperate da esserlo perfino nei propri sogni, da non poter essere tranquille e pacifiche nemmeno nel mondo perfetto per eccellenza, quello, appunto, dei sogni.

L’attore con cui abbiamo parlato alla fine ci ha raccontato con avvenisse esattamente nel lager la “selezione”, una sorta di macabro teatrino in cui le persone dovevano sfilare come su una passerella e che la compagnia ha scelto di rappresentare con un appariscente “red carpet”. I tedeschi si prendevano gioco di loro perché, stremati, non riuscivano a camminare dritti. In base a quanto la “performance” fosse apprezzata dal pubblico tedesco, sceglievano una busta e la mettevano in un’ulna, scelta fra due: una decretava la morte e l’altra la sopravvivenza. Un personaggio finito nell’ “ulna della morte”, ne era felicissimo perché per quel giorno gli avrebbero concesso di suonare il proprio violino e di mangiare una doppia porzione di zuppa. La gioia per una tale gentilezza superava di gran lunga la paura della morte, cosa che Levi non aveva nemmeno più. Era talmente “non più umano” da non sentire nemmeno più la paura.

Infine a scuotere gli animi e le coscienze degli spettatori la scena dell’impiccagione di un “prigioniero” perché aveva tentato di rivoluzionare gli animi dei prigionieri ed aveva preferito morire come un uomo che sopravvivere come una bestia. Questo porterà Levi a considerarsi come un sommerso, come tutti quelli che non avevano avuto il coraggio di quell’uomo impiccato. Questo sarà per sempre il suo più grande rimorso, la probabile causa del suo suicidio, quella di non aver reagito, di essere stato un sommerso.

Lo spettacolo si è concluso con un monologo di Levi tratto dal libro stesso e interpretato alla perfezione.

Grazie al colloquio avuto con l’attore al termine dello spettacolo abbiamo potuto fare alcune riflessioni, incentivate anche dall’ottima interpretazione degli attori. La “domanda” di Levi è, appunto, “ditemi se questo è un uomo”, ebbene, io dico di NO. E con “questo…uomo” non intendo il povero ebreo, il malcapitato omosessuale, il portatore di handicap o chi per loro, prigioniero nel campo. A queste povere persone è stata completamente tolta e massacrata la propria umanità insieme alla voglia di vivere, lottare, sopravvivere… . Loro continueranno ad essere uomini, perché lo erano nella loro vita vera (l’attore ci ha spiegato che chi ha vissuto l’ esperienza del lager afferma di aver vissuto due vite: una vera e una nel campo e che chi entra nel campo non ne esce mai, per il forte dolore che quell’esperienza provoca). I veri “non-uomini” erano i tedeschi, chiunque avesse avuto quelle idee malate, chi le metteva in pratica, chi sapeva e non proferiva parola, chiunque si divertisse a vedere cotanta sofferenza e mostruosità. L’uomo si distingue dagli animali solo per la capacità di parlare, per la sua solidarietà e la sua pietà, la sua civiltà. Allora mi chiedo : se un essere umano non possiede anche solo una di queste caratteristiche può essere considerato tale? NO. Assolutamente no. Se a un uomo resta solo la capacità di parlare e nient’altro di umano, basta inserirlo in un contesto linguistico diverso e perderà tutto ciò che di umano ha. Quelle persone erano solo bestie che si divertivano a torturare altri uomini come loro, credendosi superiori, ma essendo in realtà peggiori anche delle bestie, perché nessuna bestia ne torturerebbe un’altra per il solo gusto di farlo. Quindi io dico sì, gli ebrei rimasero uomini e, riguardo ai tedeschi, no…questo non è un uomo.

Gloria Lamagni 3^CC

MATEMATICA E INFORMATICA IN INGLESE

Studenti del MIT salgono in cattedra al Cardano

Pavia, 17 gennaio. Anche quest’anno, per tre settimane, alcuni studenti dell’Università di Boston sono ospiti della nostra scuola dove tengono lezioni in lingua inglese di argomento informatico e matematico. Sono due ragazzi e una ragazza che in questi giorni fanno lezione nelle quarte e nelle quinte dell’Istituto Cardano. Cerchiamo di conoscerli meglio.

Intervista a Micael Amoako

Alcune incomprensioni linguistiche e qualche sguardo interrogativo hanno accompagnato l’intervista a Michael Amoako, una giovane mente del MIT di Boston con la passione per la robotica e la matematica, qui in Italia per uno scambio nell’ambito di un progetto internazionale, il GLOBAL TEACHING LABS, gestito in collaborazione con l’Università di Pavia, rivolto alle classi quarte e quinte dell’indirizzo tecnico e liceale delle scienze applicate dell’Istituto G.Cardano. Il giovane Michael nato a New York e prossimo alla laurea si è reso disponibile a rispondere ad alcune domande.

Vorrei iniziare parlando della tua passione per la matematica. Come è nata? Hai sempre provato affinità con questa disciplina o qualcuno o qualcosa ti ha inspirato?

“Alla base della mia passione ci sono la matematica e la logica dei computer; la teoria dei computer mi ha sempre affascinato e mi affascina tuttora.”

Qual era la tua materia preferita quando frequentavi la scuola superiore?foto Michel Amoako

“La matematica era una delle mie preferite, ma mi piaceva anche la psicologia”

Hai trovato delle differenze tra la scuola superiore italiana e quella americana?

“La differenza principale sta nella durata del percorso formativo che da noi dura 4 anni e non presenta distinzioni come qui da voi tra liceo scientifico, classico, istituto tecnico…ogni studente gestisce i propri corsi autonomamente e alla fine di ogni anno sosteniamo un esame su tutte le materie e su tutto il programma svolto per poter accedere all’anno successivo”

Qual è la tua formula matematica o fisica preferita?

Dopo qualche secondo di meditazione risponde: “F=ma, The second principle of dynamics or Newton’s second law” Continua a leggere MATEMATICA E INFORMATICA IN INGLESE

Open Day

Il 18 novembre 2017, nell’aula magna dell’ ITIS G. CARDANO, l’ atmosfera è diversa dagli altri giorni dell’anno. Le famiglie e i possibili futuri alunni sono riuniti ed ascoltano con interesse e trepidazione le parole della preside Giancarla Gatti Comini la quale, dopo aver dato loro il benvenuto, introduce alcuni dei punti di forza del nostro istituto. Per esempio, la preparazione degli studenti sia in campo umanistico che in campo scientifico, oppure l’opportunità di usufruire di laboratori specializzati e costantemente aggiornati. La preside sottolinea, con dovuta umiltà, i buoni risultati ottenuti  dagli studenti del Cardano nei loro foto open day 3successivi percorsi sia in ambito universitario sia in ambito lavorativo. Dopodiché, informa i presenti delle novità che la scuola offre, come ad esempio la possibilità per due classi prime di poter acquisire una più approfondita preparazione della lingua inglese grazie al Progetto Internazionalizzazione. In base alla nostra esperienza e alla luce delle nuove iniziative in campo, noi studenti possiamo affermare che l’Istituto Cardano (con i vari indirizzi tecnici e con il liceo delle scienze applicate) è una scuola innovativa, che prepara e rende consapevoli del mondo che ci attende.

Infine, dopo l’immancabile distinzione tra il liceo scientifico tradizionale e il liceo delle scienze applicate, le famiglie vengono invitate dagli insegnanti, calati nel ruolo di guide, a visitare l’istituto. Continua a leggere Open Day

FAIR PLAY E SPORT

Fair play è un’espressione inglese entrata ormai nella lingua italiana per indicare un’etica comportamentale, valida nei vari campi dell’agire umano, improntata all’accettazione delle regole e al rispetto. Sebbene nata in ambito sportivo, la sentiamo usare in politica, nel mondo del lavoro, a scuola e nei rapporti di amicizia perché è un modo di considerare noi stessi in rapporto con gli altri.

Ma qual è il vero significato di fair play nello sport?

Danilo Manstretta, docente di scienze motorie e socio Panathlon, durante la premiazione 3premiazione degli atleti avvenuta il 18 novembre 2017 presso l’Istituto Superiore Apolf di Pavia, proprio nella Giornata del Fair Play, afferma che esso non è solo un modo di comportarsi ma anche di pensare, basato sul rispetto dei compagni e degli avversari. Danilo, nella sua interessante relazione sull’Etica sportiva, ha sottolineato inoltre che lo sport è un’attività educativa e non un semplice passatempo perché contribuisce, con leggerezza e piacere, alla crescita di una personalità equilibrata e matura nei giovani. Ha poi aggiunto che lo sport è una forma di cultura capace di rispettare i tempi e i bisogni dei ragazzi.

Ma come conciliare lo sport con la scuola?” chiediamo a Manstretta

Di recente – risponde l’ex atleta – è stato emanato dal governo il D.M. 935/2016 al fine di costruire percorsi scolastici adeguati per gli studenti che praticano sport agonistico; ma non sarebbe dovuta servire una legge, in quanto gli insegnanti dovrebbero cercare di andare incontro agli studenti. Molto spesso si sente dire “A causa dello studio ho dovuto rinunciare allo sport”, ma questo accade se la scuola e i docenti non si rendono conto quanto per l’atleta sia complicato conciliare lo sport con la scuola. Continua a leggere FAIR PLAY E SPORT

“Una sciarpa per due scuole”

La sciarpa annodata a metà strada, l’abbraccio amichevole dei due presidi e il calore dei ragazzi in cerchio, stretti da una lunga sciarpa multicolore, rinsalda l’amicizia tra le due scuole più chiacchierate di Pavia, il Liceo Copernico e l’Itis Cardano, che si pensava, dopo i fatti spiacevoli del giugno scorso, non potessero più condividere nemmeno la stessa via.

In occasione della Giornata Nazionale della Lettura, il 25 Ottobre, un team di WhatsApp Image 2017-10-26 at 22.48.28 (1)insegnati delle due scuole ha deciso di cogliere la palla al balzo, unendo l’utile al dilettevole: un nutrito gruppo di ragazzi, accompagnato dai propri professori e dai presidi, ha trascorso un’ora insieme a metà strada tra i due istituti, alternandosi nella lettura di brani aventi come denominatore comune l’amore per i libri e per la lettura.

La frase di Daniel Pennac “La lettura non ha niente a che fare con l’organizzazione sociale. La lettura è, come l’amore, un modo di essere…”, una delle tante lette, riassume il concetto dell’essere uniti, dello stare insieme in armonia, leggendo. Questo è il clima che si è andato a creare in quei minuti della quarta ora di lezione sotto il sole, trascorsa insieme, in cui studenti e professori ascoltavano indisturbati la lettura dei brani, nella convinzione di vivere sempre così.

Andrea Villani 3^DLS

I NOSTRI PUNTI DI VISTA

•Chiara Cantù’ 3^DLS: 

Quando si tratta di leggere, le opinioni dei ragazzi sono sempre molto contrastanti. C’è chi storce il naso appena si parla di aprire un libro e chi invece non vede l’ora di immergersi in una nuova “avventura”. Chi poi sceglie di condividere il proprio pensiero in merito ai libri che più ama, non dà solamente una considerazione soggettiva del volume in questione, ma comunica le emozioni che esso provoca.

Mi spiego meglio. Non vi è mai capitato di trovarvi in una situazione in cui vengono lette in pubblico pagine tratte da libri? Probabilmente non tutte vi avranno colpito, ma alcune vi avranno sicuramente fatto ripensare ad avvenimenti passati della vostra vita, ad emozioni provate, o semplicemente a quanto quelle parole siano giuste e WhatsApp Image 2017-10-26 at 22.48.26significative. Se sarete in grado di esporre ad un’ altra persona queste sensazioni, si sarà creato inevitabilmente un legame profondo tra voi, perché in quel momento avrete comunicato qualcosa di totalmente personale.

Tra i giovani penso che sia una cosa importante, dato che si tratta di un modo alternativo per conoscersi e confrontare differenti modalità di pensiero. Come dice Carlos Ruiz Zafon “Ciascun libro possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e di coloro che lo hanno letto”. Perciò, come possiamo pensare che esso non abbia alcun valore, che non possa aiutarci a maturare come persone e a creare legami con gli altri? Di sicuro può essere utile anche per eliminare definitivamente vecchi rancori, contrasti e divergenze.

I libri hanno il potere di far scaturire tutto ciò che si cela nelle profondità della nostra anima. E ora che lo sapete, pensate di poter mantenere il segreto? Continua a leggere “Una sciarpa per due scuole”

TecnicaMente: dall’aula all’azienda

TecnicaMente è un progetto ideato da Adecco che, in perfetta sintonia con i piani di Alternanza Scuola Lavoro, prevede per gli studenti un percorso scolastico e post scolastico di sviluppo delle competenze e di work experience. Con TecnicaMente si costituisce una sinergia reale tra studenti e aziende per arrivare più preparati al mondo del lavoro.

In modo concreto Adecco mette in contatto studenti e aziende offrendo ai ragazzi la possibilità di IMG_0925sperimentare cosa significhi lavorare e alle aziende di individuare giovani talenti. L’obiettivo è favorire l’incontro tra domanda e offerta, creando un momento di confronto tra gli studenti dell’ultimo anno e le aziende del territorio.

Le modalità sono le seguenti. Nell’arco dell’anno scolastico gli studenti sviluppano un progetto sotto la supervisione di referenti aziendali e di docenti dell’istituto scolastico. Una volta finito il lavoro, entro una data prefissata, gli studenti presentano il lavoro svolto ad una giuria composta dai rappresentanti delle aziende coinvolte che valuta i progetti proposti, individua il migliore e premia i vincitori con la partecipazione ad attività post diploma gestite da Adecco e finalizzate all’inserimento nel mercato del lavoro.

IMG_0922

In particolare nell’Istituto Tecnico Cardano si sono costituiti sei gruppi di lavoro: tre comprendenti studenti dell’indirizzo di Meccanica, uno includeva ragazzi dell’ indirizzo di Informatica, un altro alunni di Chimica; l’ultimo gruppo era composto da studenti di Meccanica ed Elettrotecnica. Gli studenti si sono dedicati al progetto da dicembre 2016 fino a maggio 2017 collaborando con diverse aziende:

Bitolea (Chimica)
Bright Solutions (Informatica)
Fedegari (Elettronica/Meccanica)
Goglio (Meccanica)

Inpra (Meccanica),
Ugolini (Meccanica)

Il 30 maggio nell’aula magna del Cardano tutti i gruppi hanno esposto i loro progetti e presentato i risultati ottenuti. Vincitore è risultato il lavoro degli studenti Tinivella Daniele, Sangermano Samuele, Nicro Martino e Remuzzi Samuele della 5^ CM che hanno collaborato con l’azienda Goglio. IMG_0919

Il loro progetto era relativo alla ottimizzazione di un sistema di confezionamento sottovuoto per caffè. Durante la presentazione in aula magna gli studenti hanno spiegato la struttura e le caratteristiche della macchina; poi hanno eseguito una dimostrazione pratica del suo funzionamento davanti alla commissione giudicatrice, alla Preside e ai docenti dell’istituto. 

Gli alunni vincitori avranno diritto ad un corso di formazione finanziato da Adecco, ma a tutti i gruppi coinvolti sono stati rivolti i complimenti per l’impegno dimostrato nel lavorare a fianco di grandi aziende. 

Questo progetto si è rivelato utile per i ragazzi perché ha permesso loro di conoscere anticipatamente il mondo del lavoro e li ha anche aiutati a muovere i primi passi in un momento importante della loro vita, ovvero il passaggio dalla scuola al lavoro. 

Mattia Salvato e Tommaso Ferrari classe 2^ BI

Comunicato dell’ Itis Cardano Pavia in merito ai fatti dell’ 8 giugno 2017

 

E’ doveroso prima di tutto esprimere tutta la nostra solidarietà e vicinanza nei confronti della Dirigente del Liceo Copernico e dei tre docenti rimasti contusi nel tentativo di impedire l’aggressione, nonché il nostro vivo rammarico che le istituzioni scolastiche facciano parlare di sé per tali accadimenti e non per i molteplici aspetti positivi della missione che quotidianamente svolgono. L’ultimo giorno dell’anno scolastico, non da ora e non solo a Pavia, è un momento di festa e talvolta di goliardia che può sfociare in comportamenti eccessivi e condannabili.

La giornata dell’ 8 giugno era stata programmata dalla nostra scuola con attenzione e con il concorso sollecito degli insegnanti nella sorveglianza, infatti le lezioni si sono svolte secondo previsione, in un clima magari un poco vivace ma corretto e senza accadimenti impropri all’interno dell’edificio scolastico né tantomeno manifestazioni di violenza. Di più, già il giorno precedente la Dirigenza aveva avvertito le forze pubbliche, sollecitando la loro presenza all’orario dell’ uscita che avrebbe coinvolto i due istituti contemporaneamente. E in effetti dalle ore 10.00 erano presenti all’interno del cortile della scuola tre pattuglie delle forze pubbliche, che però non hanno potuto svolgere un’efficace azione di deterrenza verso l’esterno.

Forse potrebbe esistere tra i due Istituti, che sono confinanti, una qualche ingiustificata rivalità, che in una città come Pavia, che ha visto i natali della goliardia storica, non può del tutto sorprendere.

In ogni caso i comportamenti violenti o lesivi che la società deve sempre reprimere, vanno stigmatizzati con la massima chiarezza da una comunità formativa e i responsabili di tali atti andranno identificati e dovranno assumersene la responsabilità. A noi educatori tocca comunque anche il compito di evitare generalizzazioni e di trarre da fatti negativi un monito a far meglio il nostro lavoro di insegnanti, un ruolo cui non ci sottraiamo ma che compete non solo alle istituzioni scolastiche.

In conclusione vorremmo che tali fatti incresciosi inducessero a rafforzare la collaborazione tra le scuole coinvolte, i Liceo Scientifico Copernico e l’ ITIS Cardano, e a dar vita a progetti che consolidino una migliore armonia tra le due Istituzioni.

La dirigenza e i docenti del Cardano

Concorso “Il tempo della storia” 2017

Noi vincitori


Anche quest’anno si è svolto il consueto concorso “Il tempo della storia” giunto alla sua 37esima edizione. Alle sette lezioni di approfondimento, intitolate ”Il Ventesimo secolo. Quadri di un’esposizione”, hanno partecipato più di 400 studenti delle scuole superiori di Pavia, Voghera e Vigevano: più di 150 hanno sostenuto la prova scritta, che prevedeva un tema di storia (riguardante gli anni tra il 1912 e il 1957) e circa 90 di essi sono passati alla fase orale.tempo e storia La commissione, costituita da docenti liceali e universitari, presieduta dal dottor Sacchi, ha valutato la preparazione dei candidati, selezionando 39 vincitori che sono stati premiati con un viaggio a Barcellona e nei paesi baschi, ripercorrendo le tappe della Guerra civile spagnola. L’ITIS G. Cardano ha mostrato la preparazione dei suoi ragazzi con ottimi risultati, tre di loro vincitori: Tommaso Landolfi (5CLS), Alessandro Alini (5CLS) e Davide Spalenza (5AI). Uno di loro ha commentato così la sua esperienza: ”Ho seguito le varie conferenze per curiosità e le ho trovate molto interessanti; pensavo di non partecipare al concorso, c’era troppa concorrenza e non avevo particolare voglia di impegnarmi in approfondimenti storici al di là dello studio quotidiano. Sono stato trascinato dai miei amici ad iscrivermi… e meno male che mi hanno convinto! La fase più critica per me è stata il tema, non ho mai brillato per capacità di scrittura. Quando ho ricevuto la email che mi convocava alla fase orale non ci credevo, ma in quel momento ho deciso che avrei fatto di tutto per vincere. Più volte mi sono scoraggiato quando scoprivo che altri ragazzi erano passati con voti molto più alti dei miei (io avevo ottenuto 12/20, il minimo). Tuttavia mi sono preparato molto bene per affrontare la prova orale e, per fortuna, il mio impegno è stato ricompensato. Quando mia madre mi ha comunicato che era arrivato un telegramma per me, sono rimasto paralizzato… non ci potevo davvero credere: avevo vinto! Scoppiavo di gioia…e un viaggio in Spagna mi aspettava! Cosa ho imparato da questa esperienza? Beh, ho avuto l’occasione di mettermi alla prova, sia con ragazzi di altre scuole, sia di fronte a professori che non conoscevo; penso sia stata una prima prova in vista dell’Esame di Stato che mi attende a breve … sicuramente, per quel che riguarda la storia, mi sono appassionato e, confrontarsi con gli altri, mi ha reso più sicuro e fiducioso sulle mie possibilità. Ringrazio la mia scuola e riconosco le parole di una mia docente “nessuno regala nulla, ma i sacrifici e l’orgoglio in se stessi premiano”.

Quindi coraggio ragazzi, i prossimi appuntamenti attendono voi!

Alessandro Alini, Tommaso Landolfi 5^ CLS

VISITA ALLA MOSTRA DI ANDY WARHOL

 GENOVA 7 FEBBRAIO 2017

gente

“Non pensare di fare arte, falla e basta. Lascia che siano gli altri a decidere se è buona o cattiva, se gli piace o gli faccia schifo. Intanto mentre gli altri sono lì a decidere tu fai ancora più arte.” Andy Warhol

Marilyn Monroe – 1962

marylin

La classe 5CLS ha visitato la mostra di Andy Warhol, celebre pittore statunitense del ‘900, tenutasi a Palazzo Ducale di Genova e organizzata per commemorare il trentesimo anniversario della morte avvenuta nel 1987, in seguito ad un intervento chirurgico. “Il provocatore” Andy Warhol, padre della Pop Art, muta il modo d’intendere l’arte proponendo una serialità di immagini che si ripete in modo ossessivo per accusare un mondo ormai soggiogato dal consumismo. La Pop Art, letteralmente traducibile come “arte del popolo” o “arte per il popolo” trasforma l’arte in un oggetto commerciale, in disegni in serie, in cose usa e getta, come accade per molti articoli utilizzati quotidianamente. Il vivere quotidiano diventa così il protagonista della Pop Art, che riproduce in serie prodotti o personaggi di spicco messi in risalto dai mass media. Continua a leggere VISITA ALLA MOSTRA DI ANDY WARHOL

CI PIACE IMPARARE DAGLI STUDENTI DEL MIT

Da diversi anni ormai, come in molte altre scuole italiane, l’Istituto G. Cardano di Pavia accoglie alcuni studenti del Massachusetts Institute of Technology di Boston, anche conosciuto come MIT. Essi hanno il compito, in poche settimane, di insegnare in lingua inglese una materia d’indirizzo, come Fisica per i Licei o Informatica per il settore informatico. Questo progetto prende il nome di MIT- Italy e offre agli alunni delle scuole coinvolte parecchi vantaggi.

Infatti, le lezioni sono interamente in lingua inglese, spesso su argomenti che i professori provvedono prima a spiegare in italiano, così da facilitare la comprensione anche a chi con l’inglese fatica.

Anche se i laureandi del MIT non parlano in italiano, le loro lezioni risultano di facile comprensione, sia per il tono diretto sia per l’enorme disponibilità a ripetere i concetti più ostici. Inoltre, appunto per il fatto che non conoscono l’italiano, si può comunicare con loro soltanto in inglese e loro rispondono solamente nella medesima lingua. Anche gli alunni con più difficoltà sono invitati a parlare, l’atmosfera è spesso gioviale e mai imbarazzante: d’aiuto è sicuramente il fatto che i ragazzi statunitensi sono quasi coetanei degli alunni italiani. Continua a leggere CI PIACE IMPARARE DAGLI STUDENTI DEL MIT