Delitto a Ferrara

Il giorno 10 gennaio alle ore 13:00 vengono scoperti i cadaveri di Salvatore Vincelli e della moglie Nunzia De Gianni, una coppia di ristoratori di Pontelangorino, un piccolo centro in provincia di Ferrara.
È il figlio sedicenne Riccardo a dare l’allarme dopo essere rientrato a casa.
Il racconto del ragazzo, tuttavia, non convince gli inquirenti; perciò la sera stessa lui e un suo amico, con cui afferma di aver passato la notte, vengono portati in caserma dai carabinieri. Riccardo e l’amico Manuel vengono interrogati per ore, finché la mattina del giorno seguente i due confessano di essere gli autori del duplice omicidio.
Il giovane aveva coinvolto l’amico per compiere il delitto promettendogli la somma di mille euro.
Secondo la ricostruzione del procuratore di Ferrara, Bruno Cherchi, i due sarebbero entrati in azione alle cinque del mattino del 10 gennaio. Il complice avrebbe ucciso i coniugi a colpi d’ascia, mentre Riccardo, il figlio della coppia, aspettava in un’altra stanza. Poi i due hanno preso delle buste di plastica, le hanno messe sulla testa delle vittime e hanno spostato i corpi per inscenare una rapina.
Ma quali sono i moventi del delitto? Continua a leggere Delitto a Ferrara

L’anno che è stato…l’anno che verrà

Un lungo venerdì 13, così si può definire il 2016 tra terremoti, attentati, colpi di stato ed elezioni politiche…non abbiamo avuto un attimo di respiro.

La sera del 16 Luglio in Turchia, la capitale Ankara e Istanbul hanno vissuto momenti di guerra. L’esercito turco ha tentato di prendere il potere, ma fortunatamente non c’è riuscito. La vittoria dei cittadini, però, è costata numerose vittime e centinaia di arresti.

Anche l’Ungheria, durante il 2016, ha vissuto momenti di crisi politica quando il governo ha preso una serie di decisioni contro i diritti umani: Vicktor Orban, infatti, ha deciso la costruzione di un muro per separare Ungheria e Serbia. Fortunatamente il 2 Ottobre 2016 il referendum contro i migranti non ha raggiunto il quorum, fermandosi al 43%, anche se il 98% dei votanti ha dichiarato la propria contrarietà alle quote di ripartizione decise dalla UE.

Un un altro evento ha contraddistinto il 2016, ovvero il devastante sciame sismico che dal 24 agosto scuote violentemente la terra del Centro Italia. Le scosse iniziate quella notte di agosto, con epicentro ad Accumoli (RI), non hanno dato tregua al nostro paese nemmeno per un momento e, a distanza di pochi mesi, esattamente il 26 e poi il 30 ottobre, due fortissime scosse di magnitudo 5.9 e 6.5 hanno ulteriormente aggravato la situazione, già disperata. Il sisma non ha solo causato centinaia di vittime, ma ha anche danneggiato gravemente monumenti storici, edifici e luoghi ritenuti patrimonio dell’umanità. In seguito a questi eventi sono sorte numerose domande, ma una in particolare è prevalsa e cioè se tutto ciò si potesse prevedere. La risposta è molto complicata da dare; ma sicuramente, come hanno spiegato molteplici volte gli esperti, la zona colpita è una delle più attive sismicamente, con la possibilità di episodi di portata devastante e non particolarmente prevedibili. Il dubbio allora è un altro: le amministrazioni comunali, provinciali, regionali hanno controllato che ristrutturazioni e nuove costruzioni fossero realizzate secondo le norme antisismiche di messa in sicurezza degli edifici? Continua a leggere L’anno che è stato…l’anno che verrà

Ormai si crede a tutto

Come dice Roberto Saviano, ormai in Italia, quando c’è un problema, si parla di “emergenza” per fare leva sull’emotività delle persone; ogni forma di cambiamento viene eliminata prima ancora che possa essere presa in considerazione e quindi, anche tutte queste “emergenze”, non hanno futuro.

L’attuale emergenza di cui Saviano parla nel settimanale L’Espresso sono le numerosissime bufale che si trovano ormai ovunque sul web e che sono anche più cliccate delle notizie reali e importanti.

Il problema posto da Saviano è come difendersi dalle bufale che paradossalmente sono protette dall’ art. 21 della Costituzione, il quale garantisce il diritto di stampa che è una sfumatura del diritto di parola che a sua volta è una sfumatura di quello di pensiero. Continua a leggere Ormai si crede a tutto

L’OCCIDENTE SOTTO ATTACCO

L’ISIS attacca Nizza, Berlino e infine Gerusalemme: tre attacchi simili, ma sono legati?

Nizza 14 luglio: un killer terrorizza la folla investendola con un tir. Un evento imprevedibile, che si ripete il 19 dicembre al mercatino di Natale di Berlino e di nuovo l’8 gennaio a Gerusalemme. Gli attacchi sono apparentemente simili per metodo utilizzato: approfittando di eventi che coinvolgono molte persone, gli attentatori, alla guida di tir rubati, travolgono la folla provocando numerosi morti e feriti.

Con il trascorrere dei giorni, nonostante il caos, le dicerie e le versioni che non rispecchiano a pieno la realtà, le autorità e l’opinione pubblica tendono a collegare gli avvenimenti all’ISIS. Ma per poterlo affermare con certezza, bisognerebbe andare a sviscerare i tre avvenimenti. A Nizza, dove si stava svolgendo la festa nazionale con fuochi d’artificio e musica, sulla Promenade des Anglais si consuma la prima tragedia: il veicolo pesante pone fine alla vita di 85 innocenti e ne mette in gravi condizioni un altro centinaio. L’assassino, identificato come Mohamed Lahouaiej Bouhlel, è riconosciuto come soldato martire jihadista e questo conferma il coinvolgimento dell’ISIS nell’attentato. Cinque mesi dopo, lo stato islamico rivendica la propria responsabilità anche per l’attentato di Berlino al mercatino di Natale. Esso si svolge con lo stesso modus operandi di Nizza provocando però meno morti: “solo” 12. Anis Amri, in fuga dal luogo dell’attentato, viene ritrovato a Sesto San Giovanni (MI) la notte del 23 dicembre intorno alle 3 del mattino e ucciso da due poliziotti italiani di pattuglia nella zona. Continua a leggere L’OCCIDENTE SOTTO ATTACCO